Floricienta_4ever
Benvenuti nel forum più bello dedicato a Floricienta che esista! ^_^
Per iscrivervi cliccate su "Register" e per collegarvi su "Log In" speriamo che la permanenza sul nostro forum vi piaccia! ^^

Floricienta_4ever

Benvenuti in un Forum dedicato interamente, al magico e pazzo mondo di Floricienta ♥
 
IndiceCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Cerchiamo SPAMMERS che ci aiutino a diffondere il Forum nel Web. Se volete candidarvi andate nella sezione "Bacheca Annunci! Fà il tuo annuncio qui!" ed entra nel topik "cerchiamo spammers"! ^^
Musica

MusicPlaylist
Music Playlist at MixPod.com
Che ore sono?

Custom Myspace Clock
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Ultimi argomenti
» Il 4um chiude...
Mar Feb 08, 2011 9:28 pm Da Clody

» Club dei club
Mer Feb 02, 2011 4:11 pm Da Clody

» - I NOSTRI BANNER! AIUTATECI! -
Mer Feb 02, 2011 4:11 pm Da Clody

» quanto ami gli smiles?xD
Mar Feb 01, 2011 8:29 pm Da magicdaiana

» Scuola & Co.
Ven Gen 21, 2011 5:14 pm Da annamariaXD

» chat su dragonball! -ufficiale-
Gio Gen 20, 2011 9:26 pm Da Clody

» parliamo di flor!
Gio Gen 20, 2011 9:09 pm Da Clody

» ecco la mia storia
Gio Gen 20, 2011 9:08 pm Da annamariaXD

» new game: proibito ^_^
Gio Gen 20, 2011 9:07 pm Da annamariaXD

Migliori postatori
Clody
 
Ninì98
 
annamariaXD
 
rer
 
mirietta34
 
cricetina ammalata
 
cacs
 
Kri-Flor
 
Elidoro
 
alberosianevirs
 
Partner
Floricienta4ever
TheSimpson

Condividi | 
 

 La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ninì98
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 370
Data d'iscrizione : 15.05.10
Età : 20
Località : Top Secret

MessaggioTitolo: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Mer Ott 06, 2010 5:17 pm

Queste sono le storie che fanno mettere paura pure ai fansami ... gente che muore e roba del genere
ecco la prima.....

Era una notta d'inverno,nevicava e faceva veramente freddo.Un gruppo di ragazzi passeggiava per le strade di Napoli,ed ad un certo punto vide una casa oscura e nera,di cui non si sapeva la conosceza.Questa casa era molto grande,aveva due torri all'esterno,e dentro nell'atrio aveva dei mobili antichi, e sporchi con ragnatele...si vedeva che non era una casa come le altre..
I ragazzi si chiesero a chi potesse appartenere questa casa,per curiosità entrarono,e dopo aver attraversato l'atrio principale,scoprirono cose che non avevano mai visto..
C'era un sarcofago,un paio di tombe,e un tappeto piccolo nero a forma di ragno..
Piccoli insetti fastidiosi abitavano in quella orribile casa,e l'atmosfera di paura e di orrore era accompagnata dallo sbattere delle finestre,e dal rumore della pioggia che cadeva sui tetti,e sul terreno,facendo un rumore fastidioso.
Il lampadario che illuminava solo una piccola parte della stanza,penzolava e rischiava di cadere sopra il gruppo di ragazzi spaventati...
Ad un certo punto,le tombe e i sarcofagi che circondavano la stanza si aprirono misteriosamente e da lì uscirono mostri con più teste,mummie e vampiri..
Era la cosidetta "notte dei vampiri",i quali volevano succhiare sangue alla gente che li veniva a disturbare nella casa,il gruppo di ragazzi cercò di aprire la porta dell'uscita,ma si accorse che era chiusa a chiave,erano rimasti segregati in una stanza paurosa e rischiavano di essere mangiati da mostri diversamente paurosi.
Andrea,il leader del gruppo,cercò di sconfiggere i mostri per mezzo del lampadario e di alcuni oggetti,ovviamente usando la furbizia,perchè nessuna forza umana avrebbe potuto vincere contro quei mostri..
Eh,che sfortuna che ebbero quei ragazzini,proprio la notte dei vampiri,dovevano intrufolarsi dentro quella casa con più piani che incuteva paura...però non si arresero.
La sfida fra umani e mostri era divisa in diversi round,nel primo round si dovevano sfidare il vampiro contro Stefano(un ragazzo gracile,che sembra una femminuccia,molto pauroso,e timido).;il mostro prese le braccia del ragazzino e gliele spezzò,dopodichè lo fece cadere a terrà e gli succhio il sangue,nessuno poteva aiutare quel ragazzino perchè chi avrebbe avuto il coraggio sarebbe morto contro i mostri,comunque ognuno si doveva sfidare,perciò la morte era vicina ad ognuno...
La seconda a combattere fu Rebecca(la solita ragazzina permalosa)la quale,seppur con coraggio,non riuscì a sconfiggere il mostro con 3 teste,e fu uccisa dopo diversi colpi,che morta brutta e orrenda,ma soprattutto l'orrore più grande era aspettare la morte e vedere come un migliore amico o amica possa morire..senza cercare di proteggerlo o difenderlo..
Così la morte toccò ad ogni ragazzino,e anche Andrea,un ragazzino apparentemente coraggioso e con un carattere forte e determinato,morì sotto le grinfie di Cerbero,una figura mitologica venuta nella casa dell'orrore,per spaventare chiunque venisse con le sue corna..
ORA KI DI VOI ANDRA LI?

_________________________________________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://floricienta4ever.forumattivo.com
Clody
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 487
Data d'iscrizione : 20.05.10
Età : 20
Località : Campania/Napoli

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Gio Ott 07, 2010 3:09 pm

mmm... Non mi sembra tuo lo stile... Non è che è una storia che hai trovato in giro? A te non piace scrivere storie e messaggi lunghi Razz

_________________________________________________
Spoiler:
 

Spoiler:
 
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ninì98
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 370
Data d'iscrizione : 15.05.10
Età : 20
Località : Top Secret

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Gio Ott 07, 2010 3:46 pm

Infatti l'ho trovata in giro !

_________________________________________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://floricienta4ever.forumattivo.com
Clody
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 487
Data d'iscrizione : 20.05.10
Età : 20
Località : Campania/Napoli

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Gio Ott 07, 2010 7:53 pm

lo immaginavo hihihi...

_________________________________________________
Spoiler:
 

Spoiler:
 
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ninì98
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 370
Data d'iscrizione : 15.05.10
Età : 20
Località : Top Secret

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Gio Ott 07, 2010 9:18 pm

scrivi qualche storia?

_________________________________________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://floricienta4ever.forumattivo.com
Clody
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 487
Data d'iscrizione : 20.05.10
Età : 20
Località : Campania/Napoli

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Gio Ott 07, 2010 9:44 pm

No, non sono una buona scrittrice xD

_________________________________________________
Spoiler:
 

Spoiler:
 
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ninì98
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 370
Data d'iscrizione : 15.05.10
Età : 20
Località : Top Secret

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Ven Ott 08, 2010 11:02 am

le prendi da internet no?

_________________________________________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://floricienta4ever.forumattivo.com
rer

avatar

Messaggi : 136
Data d'iscrizione : 05.08.10
Età : 20
Località : torino

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Sab Ott 09, 2010 10:43 am

ma così non vale! comunque la storia è carina
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Clody
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 487
Data d'iscrizione : 20.05.10
Età : 20
Località : Campania/Napoli

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Sab Ott 09, 2010 6:56 pm

Eccone una:Era atroce, e al tempo stesso sublime, ammirare l'infernale paradiso inscenato dall'autunno al di là del vetro un po' sporco. Martino fissava, immobile, nel silenzio senza fine che stagnava nella sua stanza, seduto davanti alla finestra. E pensava. In fondo non gli restava altro, da fare, e pensare gli procurava un misto di angoscia ed esaltazione. Le foglie secche frustate dal vento planavano come grigi pipistrelli ubriachi, cozzando le une contro le altre nell'imboccare improvvisi mulinelli d'aria. Il cielo era di un meraviglioso color cenere, verso ovest, una cenere sotto la quale andava morendo una brace sanguigna e tremolante. Spostando lo sguardo verso est, gradualmente, si poteva contemplare invece l'ineluttabile, strisciante avanzare della notte, pronta già ad inghiottire il mondo. Le luci accese, nelle case, erano minuscoli rettangoli intrisi di una serenità struggente, brillanti focolai di redenzione, di pace, di calore... Martino aveva solo la candela, con la sua fiammella malata che saettava e si dimenava, scossa da convulsioni ardenti. Per il resto, la casa era preda dell'ombra, come sempre. L'ombra che impregnava le pareti, che si respirava, che stringeva il cuore. L'ombra di sua madre, persa in qualche stanza. L'ombra della sedia a rotelle, dalla quale Martino non si sarebbe alzato più. Fuori, intanto, i primi fantasmi presero a sfrecciare, in lontananza, come usciti da un sogno ad occhi aperti. E c'erano anche scheletri, streghe, smunti cadaveri ambulanti dalle braccia tese ed il passo incerto. A piccoli gruppi, comparivano e sparivano fra viuzze e cortili, e di quando in quando si fermavano a suonare ad una porta in attesa di ricevere qualche golosità. Martino avrebbe dato chissà cosa, almeno in passato, per essere con loro, per essere uno di loro. A raccogliere caramelle, o cioccolata, o canditi, per poi ritornarsene a casa ed assaporare l'euforia che segue la fruttuosa scorribanda della vigilia di Ognissanti. Ma lui non si era mai travestito, né truccato da mostro; né mai del resto lo avevano invitato, o cercato... Sua madre non glielo avrebbe permesso, comunque. Sua madre... Entrò nella stanza proprio nel momento in cui stava pensando a lei. Martino rimase immobile ascoltando il cigolio della porta, alle sue spalle, che si apriva piano per poi richiudersi con quello scatto pigro che avrebbe saputo riconoscere fra mille. I passi leggeri, un po' strascicati, attraversarono la penombra polverosa, stantia, per avvicinarsi a lui, accanto alla finestra. La donna non disse una parola. Solo, posò una mano sulla spalla del figlio e rimase imbambolata a contemplare l'agonia del giorno rifulgere oltre il proprio volto riflesso nel vetro. Che occhi terribili, aveva... Martino aveva sempre pensato che quelli fossero gli occhi più cattivi del mondo. Ma con il trascorrere degli anni aveva capito che erano solo occhi dolenti, lontani. Il suo era lo sguardo di una persona estranea, di una persona sbagliata. Era malata, nella testa. Come lui lo era nel corpo. E l'esistenza di entrambi era da sempre stata un sonnolento stillicidio di ansie, di solitudini, e soprattutto di silenzi. Sua madre... Non aveva mai accettato l'aiuto di nessuno. sarebbe stato un affronto. Si bastavano a vicenda, loro due. Nella sua testa ovattata di disperazione non c'era mai stato spazio per altro che per sé stessa e per il povero figlio incapace da tenere sempre accanto, sempre protetto, sempre prigioniero. Tutto per amore, naturalmente. Povera mamma... Uno stormo di risatine stridule, infantili, si levò da qualche parte, veleggiando nel vento tiepido. La fiamma della candela si contorse, piegandosi sotto il gravame di pensieri di cui la stanza di Martino era ormai satura. Era l'ultima sera di ottobre. Ed anche la prima di una nuova vita, per lui. Era stato più facile del previsto, tutto sommato. Temeva che sua madre non lo avrebbe accontentato. Invece, tra lacrime e sospiri e preghiere biascicate ad invocare il perdono di chissà quale dio nascosto fra le pieghe della sua misera mente, aveva fatto tutto quanto lui le aveva chiesto. "Vedrai, mamma", le aveva detto. "Mi darai la soddisfazione più grande del mondo. E tutti quelli là fuori, tutti quelli che ci vogliono male, non rideranno più di noi..." E così il giorno si era accartocciato, a poco a poco, su sé stesso, come una pagina ricoperta di folli scarabocchi rossi accanto al fuoco. Piano, ora dopo ora, le ombre si erano insinuate, timorose, all'interno della casa, a contemplare l'opera di madre e figlio, entrambi smarriti senza speranza tra le ragnatele di un lamentoso silenzio. Ti ringrazio, mamma, pensò Martino. Era una strana rivincita, quella, nei confronti di tutti gli amici che non aveva mai avuto, nei confronti di una vita che non aveva proprio più senso, se mai ne aveva avuto uno. Forse le ombre che gozzovigliavano senza rispetto nel cervello di sua madre avevano contagiato pure lui, col tempo. Non ci sarebbe stato da meravigliarsene. E del resto, non gli importava affatto. Sentiva che era stata una scelta giusta. I piccoli mostri arrivarono schiamazzando in un gruppetto sparuto; ma non appena si trovarono sotto la casa di Martino d'istinto abbassarono la voce, scrutando la porta d'ingresso con occhietti cerchiati di nero o infossati dietro mascheroni di cartapesta. Martino sapeva che avrebbero voluto suonare il campanello, ma erano combattuti dalla paura. Paura di sua madre. L'avevano sempre chiamata "la matta", senza mezzi termini. Ma lui aveva smesso di prendersela per quello. Probabilmente si sarebbe comportato allo stesso modo, se fosse stato uno di loro. Però non lo era mai stato, uno di loro, né mai lo sarebbe diventato. Non c'era più modo di tornare indietro. Ora lui si trovava, e per sempre, dalla parte della notte. Osservò quei ragazzini con disprezzo, stemperato appena da una punta di compassione. Sua madre si ritirò nell'ombra, muta, un istante prima che i mostriciattoli sollevassero gli sguardi verso quella finestra. Martino la sentì portarsi le mani al volto, sforzandosi per soffocare i singulti. Non ti preoccupare, mamma, avrebbe voluto dirle. Io sto bene, adesso. Non sono mai stato più felice di così. Ma non poteva ormai più dire una parola. I piedi di sua madre urtarono, indietreggiando, il grosso cucchiaio lordo che giaceva sul pavimento, semicoperto dalla poltiglia rossa e grigiastra sparsa sulla polvere. Il rumore, viscido e metallico, rimbalzò da una parete all'altra, come il rintocco di un campanaccio arrugginito. Anche la seghetta, persa nel buio, non doveva essere lontana. Non ti preoccupare, mamma. Ho voluto io che tu lo facessi. E te ne sono grato. E quando i ragazzini lo videro, finalmente, cominciarono ad urlare. La fiammella, dentro la testa svuotata di Martino, si dimenò all'improvviso, quasi gli strilli l'avessero raggiunta dalla strada. Attraverso le orbite cave la luce ondeggiò ancora un poco, generando due flebili fasci inquieti lanciati a scandagliare la notte. Martino si sentì scuotere da un brivido di esultanza. Sua madre, adesso, rideva e piangeva. Presto sarebbe arrivata gente, certo, ed avrebbero portato via entrambi. Non importava. Martino sarebbe rimasto comunque in quella casa, per sempre, inevitabilmente. Nelle coscienze di quei ragazzini in fuga lui era ormai entrato a forza come il più terribile degli incubi, quelli che non si possono dimenticare. La sua immagine, seduta a quella finestra, il cranio scoperchiato e la candela accesa immersa nella testa scavata come una zucca, con la sua pazzesca luce a baluginare là dove avrebbero dovuto esserci gli occhi, non si sarebbe mai più cancellata dalle loro anime. Sua madre era stata perfetta. mai avrebbe avuto occasione di compiere un gesto più grandioso, memorabile e pietoso in tutta la sua esistenza. Qualunque cosa le fosse accaduta, poi, non avrebbe avuto alcun significato. Alcune foglie morte, simili a mani tronche ed avvizzite, schiaffeggiarono il vetro, quasi a voler scacciare quella follia annidata nella stanza, affacciata malignamente alla finestra. E Martino seppe di appartenere già alla notte, a quella notte, spauracchio eterno e maledetto, per sempre vivente, fulgido e tremendo. Tre, quattro, cinque porte si spalancarono lungo la via, e persone dall'aria confusa ed allarmata risposero agli strilli dei bambini. Tutti guardarono in direzione della "casa dei matti", come era conosciuta, e presero ad avvicinarsi correndo, pronti ad invitare l'Orrore ad avvelenare per tutta la vita i loro sogni.

_________________________________________________
Spoiler:
 

Spoiler:
 
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
magicdaiana



Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 25.12.10

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Lun Dic 27, 2010 8:57 pm

Carine ;
La prima è bellissima la seconda nnè ke mi sia piaciuta però ...
... carina ugualmente !!!!

bye magicdaiana

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Clody
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 487
Data d'iscrizione : 20.05.10
Età : 20
Località : Campania/Napoli

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Lun Dic 27, 2010 11:43 pm

Figurati, io quella che ho postato non l'ho nemmeno letta xD

_________________________________________________
Spoiler:
 

Spoiler:
 
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
magicdaiana



Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 25.12.10

MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   Mar Dic 28, 2010 12:54 am

figo !!!!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE   

Torna in alto Andare in basso
 
La storia dei cattivi -VIETATO ENTRARE A CHI SI SPAVENTA FACILMENTE-STORIE HORROR MIE E VOSTRE
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Floricienta_4ever :: Le storie inventate da noi-
Vai verso: